Chi siamo

  • Stampa

Insieme ai nonni e alla mia famiglia, sin da bambino trascorrevo al Coler i momenti più emozionanti della mia infanzia, anche se in questo luogo si veniva soprattutto per lavorare la terra e custodire gli animali in alcuni periodi dell’anno. 

A luglio si apriva la danza delle forche e dei rastrelli: l’erba tenera e profumata diventava fieno nelle “are” odorose del rustico maso. Poi, in autunno, si pascolava il bestiame, si mungeva. Mentre fuori i larici ingiallivano, il candido latte si trasformava nel morbido “casolet”. Con la pipa in bocca, nonno Vigilio mescolava la polenta e a fine giornata tutti insieme vicino al fuoco a “far filò”.

L’attaccamento alla mia terra e l’amore per la natura mi accompagnano da sempre. Affezionato al maso del Coler, ho deciso di far rivivere questo luogo e di salvaguardare il verde, allevando asini, pecore ed agnelli. Mi auguro che Maso Coler, con il suo pregiato ambiente naturale protetto dal Parco, possa regalare piacevoli emozioni per un’esperienza unica sulle Alpi nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio.

Franco Mengon